WT:Social, il nuovo social network erede di WikiTribune

News, Social Network, Web, Web e Marketing 2.0 0 1

 

Dopo WikiTribune arriva WT:Social, il nuovo social network ideato dal co-fondatore di Wikipedia, Jimmy Wales.

I social network sono diventati, ormai, il nostro pane quotidiano: c’è chi li usa per intrattenersi e svagarsi, chi li consulta per informarsi e restare aggiornato sulle ultime news, chi, ancora, per tenersi in contatto con i propri amici in giro per il mondo, o chi li utilizza a scopi di business.

Nel marasma di un mondo così interconnesso e prolifico di contenuti e news, il rischio di incappare nelle cosiddette “bufale del web” diventa, quindi, spaventosamente elevato.

Di questo pericolo è ben consapevole Jimmy Wales, il co-fondatore di Wikipedia che da anni lotta per una comunicazione libera e gratuita, e che ha deciso di creare una nuova piattaforma social dedicata alla diffusione di news.

Come nasce WT:Social

Secondo le stesse parole di Wales, pubblicate in un recente tweet: “Mi sono reso conto che il problema delle fake news e della disinformazione ha molto a che fare con le piattaforme social.”

Per arginare il problema, Wales ha, quindi, deciso di sviluppare un nuovo social network, libero dalle pubblicità e dedicato alla pubblicazione di notizie verificate.

Protagonista di WT:Social sarà, perciò, l’informazione in tutte le sue accezioni, purché libera dalle fake news e verificabile da parte di tutti.

La nuova piattaforma, erede di WikiTribune, si presenta come un social network del tutto innovativo, collaborativo e modificabile da parte degli utenti. Il suo punto di forza è l’assenza di pubblicità, che, secondo Wales, ostacolano la piena fruizione dei contenuti sui social.

L’obiettivo principale di WT:Social è di consentire la condivisione di notizie certificabili e modificabili da parte degli utenti, per incoraggiare un’informazione quanto più attendibile e certa. In questo modo, gli utenti potranno accedere alla piattaforma per informarsi sulle ultime news, senza rischiare di incorrere in bufale o pubblicità indesiderate.

Info utili

WT:Social ha preso il via nel mese di ottobre, ma il vero boom della piattaforma è avvenuto a novembre, quando, nel giro di una sola settimana, il social ha ottenuto più di 23.500 iscrizioni.

L’accesso alla piattaforma è consentito ai maggiori di 13 anni, ma è attualmente a pagamento.

La scelta di imporre una quota d’iscrizione risponde, tuttavia, a una strategia iniziale, volta a limitare l’utenza e l’eventuale sovraccarico dei server.

Secondo quanto dichiarato dal suo fondatore, infatti, la piattaforma sarà presto resa disponibile gratuitamente per consentire a tutti di fruire dei suoi contenuti.

L’articolo WT:Social, il nuovo social network erede di WikiTribune sembra essere il primo su WHYBLOG.

Related Posts

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime Comunicazioni

Categorie

Archivi

Previsioni Meteo